Pompe di calore - FAQ


La raccolta delle domande frequenti sulle pompe di calore: quanto costa installare la pompa di calore?
Conviene? Consuma tanto? Come sceglierla?

Come riscaldare casa e come risparmiare sul riscaldamento?


Le pompe di calore permettono di risparmiare sul riscaldamento, abbattendo i consumi di energia e quindi i costi fino al 50% rispetto ad una caldaia a condensazione. Anche se alimentate da elettricità, queste macchine utilizzano infatti energia rinnovabile, perché trasferiscono il calore da una sorgente esterna all’ambiente da climatizzare o all'acqua di un circuito di riscaldamento. In particolare le pompe di calore aria-aria e aria-acqua lo prelevano dall'aria esterna, mentre le pompe di calore acqua-acqua o terreno-acqua lo prelevano dall’acqua (di falda, lago, fiume o mare) o dal terreno, per mezzo di una sonda geotermica. Con una pompa di calore, inoltre, non ci sono emissioni dirette di C02, mentre quelle indirette emesse dal nostro sistema elettrico per la generazione dell’energia elettrica vengono ridotte del 50% circa.

Quanto costa installare una pompa di calore?


I costi di un impianto con pompa di calore variano a seconda potenza necessaria per riscaldare e raffreddare l’edificio e quindi della dimensione e dell’isolamento dello stesso. Esistono pompe di calore che racchiudono tutti gli elementi dell’impianto come ad esempio l’accumulo per l’acqua calda sanitaria oppure pompe di calore dove l’installatore deve aggiungere esternamente gli elementi necessari per completare l’impianto.

Quali requisiti occorrono per installare una pompa di calore?


Non esistono requisiti particolari per l’installazione di una pompa di calore in quanto Clivet offre una vastissima gamma di sistemi in pompa di calore in modo da poter soddisfare le esigenze dei diversi tipi di abitazioni: dalle case nuove a consumo di energia quasi zero fino ai condomini e alle abitazioni in cui non si sono potuti fare interventi sull’involucro edilizio o dotate di radiatori. Per sapere come riscaldare un appartamento o come riscaldare una casa grande con una pompa di calore, rivolgetevi alla rete di installatori specializzati di Clivet per un preventivo dettagliato.

Dove installare una pompa di calore?


A seconda del tipo, la pompa di calore può essere installata in vano tecnico all’interno dell’abitazione, nel sottoscala, sul pianerottolo, all’esterno dell’abitazione, sul balcone… Grazie alla competenza dei tecnici specializzati della rete di vendita e assistenza Clivet, per ogni situazione abitativa e per ogni esigenza di riscaldamento/raffrescamento e purificazione dell’aria viene studiata la soluzione tecnica più opportuna tra i sistemi integrati Clivet e questa viene poi installata rispettando il più possibile le richieste del cliente e gli eventuali vincoli strutturali o normativi (ad esempio per i palazzi dei centri storici).

Conviene installare una pompa di calore? Perché?


Installare una pompa di calore conviene perché:

  • Permette di dimezzare la bolletta per il riscaldamento rispetto ad una caldaia a condensazione
  • Permette di fornire con una sola unità sia calore per il riscaldamento che il raffrescamento
  • Gode di tre incentivi alternativi: le detrazioni fiscali del 50% per ristrutturazione, le detrazioni fiscali del 65% per l'efficienza energetica, valide sino a fine 2015, e il conto termico
  • Utilizza energia rinnovabile e, grazie a questo, la pompa di calore assolve ai requisiti imposti dal DLgs 28/2011 riguardante il soddisfacimento dell’energia rinnovabile termica di un edificio di nuova costruzione con costi di investimento ridotti rispetto a soluzioni come caldaia + solare termico.
  • Non usa combustibili fossili e non ha emissioni da combustione in ambiente
  • Installando una pompa di calore non è necessario dotare le nuove abitazioni di impianto solare termico in quanto con la pompa di calore si copre già la quota di energia rinnovabile obbligatoria per legge

Come funziona la pompa di calore?


Le pompe di calore sono in grado di trasferire l'energia presente in natura all’interno degli ambienti riscaldandoli quando è freddo e raffrescandoli quando è caldo. Così come un frigorifero domestico sottrae calore dagli alimenti per mantenerli freschi, disperdendolo nella cucina attraverso la serpentina posta sul retro, allo stesso modo la pompa di calore sottrae energia alla terra, all’aria o all’acqua trasferendola all’interno degli ambienti sotto forma di calore per il riscaldamento invernale e l’acqua calda sanitaria.
Il calore ambiente può provenire da diverse fonti. Le pompe di calore più diffuse sono quelle aria-acqua, che prelevano il calore ambiente dall'aria esterna. Esistono anche pompe di calore acqua-acqua, che sottraggono il calore all'acqua di falda. Ci sono infine pompe di calore acqua glicolata-acqua, che sottraggono il calore dal suolo attraverso collettori tubolari sotterranei o sonde geotermiche.
Una buona pompa di calore, come quelle proposte nei sistemi integrati Clivet consente di ottenere molto calore ambiente con poca energia motrice (elettricità): da 1 kWh di energia elettrica si producono fino a 5 kWh di energia termica.

Qual è la differenza tra pompa di calore e condensazione?


La differenza fra una caldaia a condensazione e una pompa di calore risiede nella modalità della produzione del calore stesso: la caldaia, al massimo, può fornire il calore che la quantità e il potere calorifico del combustibile consentono. La pompa di calore, invece, non ha limiti di questa natura rispetto all’energia immessa. Se si trovano temperature di funzionamento e fluidi adatti, la pompa può trasportare quantità di calore indefinitamente grandi a parità di energia elettrica utilizzata.
Una buona pompa di calore consente di ottenere molto calore ambiente con poca energia motrice (elettricità): da 1 kWh di energia elettrica si producono fino a 5 kWh di energia termica.
La pompa di calore inoltre non usa combustibili fossili e non emette gas da combustione in ambiente.
Oltre che per riscaldare quando è freddo, la pompa di calore può essere usata per raffrescare gli ambienti quando è caldo.

Come scegliere la pompa di calore?


Esistono varie tipologie di pompe di calore. Per ottenere la massima efficienza in termini di  risparmio energetico ed economico, oltre che per avere la certezza di un corretto funzionamento, è necessario scegliere il modello più adatto alla propria abitazione tenendo conto di diversi fattori:

  • Tipo di involucro edilizio
  • Clima
  • Dimensioni degli ambienti da climatizzare
  • Tipo di sorgente che verrà sfruttata dalla pompa di calore (aria esterna, acqua di falda, terreno)

Come dimensionare la pompa di calore?


Per il corretto dimensionamento di una pompa di calore vanno considerati diversi fattori tra cui: caratteristiche di isolamento dell’immobile oggetto di analisi, zona climatica, volumi riscaldati, numero di abitanti e tipologia terminali (pannelli radianti, ventilconvettori, radiatori). Queste valutazioni vanno fatte, affidandosi ai consigli di tecnici specializzati come quelli della rete di Partner Clivet Comfort A+. Clivet mette inoltre a disposizione di progettisti ed installatori gli strumenti informatici utili per la selezione, progettazione e offerta dei sistemi residenziali.

Quale potenza deve avere la pompa di calore per un appartamento?


Per calcolare che potenza debba avere una pompa di calore a servizio di un appartamento vanno considerati diversi fattori tra cui: caratteristiche di isolamento dell’immobile oggetto di analisi, zona climatica, volumi riscaldati, numero di abitanti e tipologia terminali (pannelli radianti, ventilconvettori, radiatori). Per queste valutazioni è sempre opportuno affidarsi a tecnici specializzati e competenti come quelli della rete di Partner Clivet Comfort A+. Clivet mette inoltre a disposizione di progettisti ed installatori gli strumenti informatici utili per la selezione, progettazione e offerta dei sistemi residenziali.